giovedì, giugno 01, 2006

I Cremini all'ARAGOSTA DEI, Predazzo 17/6 loc.Ottagono

ARAGOSTA DEI: Sta per arrivare il momento della prestigiosissima manifestazione che si svolgerà a Predazzo il 17 Giugno, a cui anche i Cremini parteciperanno come "special-idiots-guest-star-wars" (ore 0.30, per la gioia dei nostri che, a quell'ora, potranno esibirsi carichi di ettolitri di alcool).
In più, già dal tardo pomeriggio saranno pronte molte sorprese...

Mi raccomando, partecipate numerosi al grande evento organizzato dall'Aragosta team (finalmente qualcosa anche a Predazzo)... + sarà il grado di soddisfazione e maggiori saranno le possibilità che un'evento del generew si possa ripetere nelle estati a venire!!!

venerdì, aprile 14, 2006

LA LEGGENDA DI PIPINO EMOZZARELLA - LA GENESI -

PER MOTIVI DI MARKETING E DI DIRITTI CINEMATOGRAFICI LA GENESI VERRA' TRASMESSA IN QUATTRO EPISODI CHE SARANNO PUBBLICATI A DISTANZA DI UNA SETTIMANA L'UNO DALL'ALTRO.

AUGURO A TUTTI UNA BUENA VISTA HOME VIDEOOOOO....
OH CAZZO!

LA LEGGENDA DI PIPINO EMOZZARELLA
- LA GENESI -

Tenetevi forte! Tutto quello che ascolterete, leggerete vi cambierà dentro...vi porterò attraverso lande desolate, caverne mai esplorate, vi farò conoscere popoli di cui nessuno ha mai saputo l'esistenza! Siete padroni di decidere se credere o meno a questa fantastica storia ma non potrete non venire colpiti nell'animo! La vostra vita non sarà più la stessa!

E ora, che l'avventura abbia inizio!

...

Splash!!!

“Merda!” esclamò Stronz …..

…Facciamo un passo indietro…prima di tutto devo dirvi dove ci troviamo!

Siamo in piena era fecale, è si bambini, prima dell’mesolitico, prima ancora del cenozoico, prima ancora del mesozoico, prima ancora dell’archeozoico, e quindi, più di 2000 milioni di anni fa esisteva un’era che si chiamava appunto ERA FECALE!

Si può già dal nome intuire il perché di tale nome…ma certo, tutti e tutto era fatto di merda, montagne, strade, case macchine e quant’altro si potesse trovare in giro era fatto di merda.

Potete immaginare come dovevano vivere gli abitanti di questo fantastico mondo!

Le persone non erano fatte di massa fecale come si potrebbe intuire bensì erano come noi, in carne ed ossa; c’era solo una piccola differenza che non ci accomunava a loro…il corpo di questi esseri era a forma di stronzoide! Che figura è lo stronzoide? Bè…la prossima volta che andate al cesso bambini, una volta cacato, prima di pulirvi il deretano giratevi e guardate nell’acqua. Eccovi la forma dolce e longilinea dello stronzoide.

Dopo questa breve interruzione torniamo alla nostra storia…

Stronz era figlio di due genitori che vivevano in una casa di merda, mangiavano di merda, avevano una macchina di merda e un lavoro di merda. Cioè tutto normale!

“Cosa c’è stronz? “ chiese la mamma,

“Non so cosa sia stato ma credo che cominci a piovere!” rispose Stronz,

“Allora rientra subito in casa che ti prendi un malanno!”

Molto era cambiato dai bei tempi delle distese marron incontaminate, poco restava di quel pradiso che era un tempo! Ebbene sì! Tutto filava liscio fino a quando un certo Pet Van Cagar inventò Fal Qui! Cos'era Fal Qui?! Era...

- FINE PRIMO EPISODIO -



mercoledì, aprile 12, 2006

Ahhhhhhhhhh, i bei proverbi d'un tempo!!!



Ragazzi, tutti coloro che hanno dei vecchi modi di dire dei
nostri nonni, bisnonni, trisnonni, quadrisnonni, qiuncisnonni,
sestinonni, settimininonninininniniiiinni,
ottiviminninininininininininininnonnninninni....PUNCH!!!!

AHIAHAIAHAI MAMMA, LA SMETTO DI FARMI LE CANNETTE,GIURO!!!!

..........dicevamo:se avete proverbi o
modi di dire, lasciateli nei commenti.....vi aspetto numerosissiminninninninni!!!!!!!!




Per esempio:

"TANTO VA LA GATTA AL LARGO......SCIAK!!"

"CAN CHE ABBAIA NON PIGLIA PESCI."

"A CAVAL DONATO:GRAZIE!!"

"MEGLIO UN UOVO OGGI CHE UN DITO SU PEL CULO."

"GELATO AL CIOCCOLATO DOLCE UN PO' SALATO, TU GELATO AL CIOCCOLATO!"


Un calorifero salutante.

KISS KISS(...enefrega!)!

venerdì, marzo 31, 2006

LA LEGGENDA DI MOZZARELLA E PIPINO - LA GENESI -

Finalmente, in anteprima mondiale sul blog ufficiale dei CREMINI,
LA LEGGENDA DI MOZZARELLA E PIPINO - LA GENESI -.

Attualemente in lavorazione...e che lavorazione!

Non perdetevi l'unica e vera Genesi della mitica leggenda che ha fatto piangere innamorare un sacco di adulti con bambini...!

NON PERDERE L'OCCASIONE DI POTER DIRE "IO C'ERO"!

Visita il blog nei prossimi giorni!

martedì, marzo 28, 2006

LA LEGGENDA DI MOZZARELLA E PIPINO

C'era due volte, una al tempo in cui il fatto è accaduto, e con questo racconto fanno due, un bambino chiamato Mozzarella.
Non era molto diverso dagli altri pargoli che popolavano il paesino di Barbozzoli; una cosa però lo distingueva dagli altri bimbi: aveva una grossa escrescenza a forma di crescenza che gli spiccava sulla fronte.
Un giorno, camminando camminando incontrò Pipino....qust'ultimo aveva un cazzetto che spuntava dalla spalla sinistra.
I due fecero amicizia subito capendo i rispettivi problemi e disagi....è vero, il difetto di Mozzarella era più visibile, ma voi non tenete conto del problema più grande di Pipino....era affetto da continue erezioni che formavano un bozzo abnorme sotto la sua maglietta!!!!!!
Passarono molti pomeriggi e mattinate assieme, ridendo e scherzando; si, anche mattinate intere, perchè non potevano andare a scuola...erano scherzati da tutti i loro compagni in maniera funesta....ai due venivano tirate grandissime quantità di feci bollenti negli occhi, e la cosa nono faceva loro granché piacere.
Un giorno i due incontrarono una bambina, Clarbatta, che aveva una particolarità interessantissima: aveva una piccola patatina sul ginocchio destro.....Pipino e Clarbatta si innamorarono perdutamente l'uno dell'altra!!!!!Il povero Mozzarella aveva perso forse un amico a causa di una bastarda clarbattona?!?!?!?!
Il pensiero lo logorava dall'interno, fino a quando non scoprì che la ragazza aveva come madre una mucca, vera, von il pelo lucido pezzato e le corna levigate e ben curate.....lisiiiie lissiiiiie!
La vacca, vedendo il povero Mozzarella sconsolato lo adotto come il figlio maschio che non aveva mai avuto, e vissero tutti felici e vecchia fattoria YA YA HO!!!!!!

Fino all'avvento dei dinosauri che fecero di tutti un sol boccone.

venerdì, marzo 24, 2006

Electro Clash

ELECTROCLASH

E' difficile riassumere in poche righe un fenomeno che ultimamente sta investendo il multiforme universo della musica elettronica e non solo, un riscatto dei suoni sintetici 80's oriented, delle chitarre sporche e taglienti del punk, dei lustrini brilluccicanti e kitsch del Glam rock, il tutto amalgamato con sapienti dosi di Techno di Detroit, House di Chicago,70's Disco e altre simili anticaglie, che già pensavamo consegnate alla storia della musica contemporanea...

Dovendo tracciare un quadro evolutivo del genere, potremmo affermare senza tema di smentita che, padre spirituale del genere, è da considerarsi tale Helmut Geier, meglio noto come Dj Hell, rispettatissimo dj, abile produttore e uomo marketing, nonchè fondatore dell'etichetta cult per quanto riguardo l'electro ammiccante alle sonorità retrò :

La International Deejay Gigolos (meglio nota come Gigolò records); gia' Guru della techno nei primi anni 90, ma profondamente innamorato della Wave e dell'electro body music di D.A.F, Front 242 e Co. , nel 1996 è partito alla conquista dei clubs europei e delle dancefloors più raffinate mandando in orbita un manipolo di sconosciuti (all'epoca) ma validissimi artisti, fra i quali, Miss Kittin and the Hacker , Fischerspooner (Americani, ma distribuiti in Europa dalla Gigolò), Vitalic, Zombie Nation.. solo per citare i nomi che hanno raggiunto una dimensione quasi Mainstream.

Come detto sopra, sarebbe difficile confinare il fenomeno Electroclash negli ambiti angusti dei clubs e delle discoteche, sopratutto per il fatto che di questo pseudo movimento fanno parte vere e proprie bands,le quali, pur votate alla causa del rock'n'roll nell'accezione più sporca del termine (suoni lo-fi, bassi distorti, chitarre stonate e sbilenche very 77 punk!) non hanno però rinunciate alle fascinazioni elettroniche di campionatori, sintetizzatori (meglio se vintage), vocoders, etc... riprendendo idealmente un discorso nato coi variBowie, Eno, Iggy Pop, Velvet underground sfociato poi nel Punk, proseguito con la New/NO Wave anglo-americana, quasi a cercare una ideale legittimazione per un 'operazione che non si pone come semplice revival, piuttosto è la ricerca di un ideale trait d'union fra passato e contemporaneità, in funzione di un possibile e plausibile futuro per il cosiddetto "Rock", un' iniezione di nuova linfa per 1 gigante 1 po' acciaccato ma mai in serio pericolo di vita.

Ci limiteremo qui a citare, per esigenze di sintesi, poche ma significative Bands :
gli Adult, da Detroit ( a proposito segnaliamo l'interessante label Ersatz Audio, scuderia del duo americano) alfieri di un electro /punk glaciale, ossessivo, a tinte fosche ma venate da un sottile humour nero (vedi la recente collaborazione con Death in Vegas per il singolo "Hands on my throat" nell'ultimo album "Scorpio Rising"). Citiamo poi Peaches alias Merril Nisker, Riot girl Canadese di stanza a Berlino, definita un incrocio fra Nina Hagen e Lil Kim, fautrice di una nouvelle vague femminista a colpi di Roland MC505 Groovebox, abile manipolatrice di sonorità Wave, Electro funk, Punk, suoni Industriali al servizio di testi espliciti, per non dire "Hard" ( "Not a sucker, I want a fucker!" ) e di live acts che non lasciano certo indifferenti (on stage un campionario di lingerie sfacciatamente esibita, cinture pelviche, dildos, baci lesbo e amenità simili ..); Merril ha assunto uno status di artista di culto nel recente panorama Electro col delirante e originalissimo album "The Teaches of peaches"uscito nel 2000 per la Kitty Yo, il nuovo album "Fatherfucker" promettere di essere the next "Big thing" e annovera fra gli ospiti, niente di meno che "L'Iguana", Iggy Pop.

Continuamo la nostra carrellata citando i Fischerspooner vero e proprio collettivo artistico/ musicale (tra le loro fila ballerini, fotografi, pittori, stilisti, teatranti etc..) fondato a New York dal musicista di estrazione classica Warren Fischer e dall'attore di teatro sperimentale Casey Spooner; singolarmente la loro carriera non inizia nei clubs e nelle sale prove, ma nelle più esclusive e sofisticate gallerie d'arte della "Grande Mela" dove i nostri si ritrovano per delle performances estemporanee e dadaiste; difficile descrivere il suono dei Fischerspooner, specie perché essi stessi rifiutano di essere identificati con uno stile particolare: innegabili le influenze del Synth Pop 80 (Soft Cell e e Visage su tutti), rielaborate però in una chiave assolutamente modernista e originale, con rimandi a svariati generi ( dalle sonorità Techno di "Emerge", il loro singolo più noto, alla dolce malinconia di un celebre brano degli "WIRE" , the 15th, riproposto in una chiave meno nevrotica rispetto all'originale ma con un tocco di lirismo in più forse, che ne fa un piccolo gioiello, al suono mono-tono e minimale di "Invisible").

Last but not least, citiamo due interessantissime realtà Inglesi, Ladutron e Client; i Ladytron da Liverpool, già "veterani" del genere, sono un quartetto multietnico (Inghilterra, Giappone e Bulgaria le nazioni di provenienza dei membri), devoti a un raffinatissimo sound elettronico melodico ma mai stucchevole, sintetico ma non monotono, che strizza l'occhio agli anni 60, al Glam, ai Kraftwerk, a Gary Numan, alla Italo Disco, a sonorità orientali e balcaniche, ai primordi della house , senza però fare del citazionismo fine a se stesso. Dopo l'ottimo esordio su Emperor Norton con l'album "604"nel 2001, si sono riconfermati, incontrando anche i favori della temuta stampa musicale britannica, col successivo "Light and Magic" , vero e proprio gioiellino, con cui prosegue l'esperimento di reinvenzione dei generi all'insegna dell'ironia e dell'intelligenza.

Piccola nota finale:
questa articolo non vuole essere in alcun modo esauriente, probabilmente ad esso ne seguiranno altri in cui l'argomento Electroclash verrà trattato in modo meno generico, dedicandoci ai singoli protagonisti, sempre che la cosa riscuota il vostro interesse e gradimento.
Grazie per l'attenzione!
(Tratto dal BLOG di 4ever Young)

mercoledì, marzo 22, 2006

Carnevale 2006!!!


Le foto parlano da sole credo!

Perchè Cremini?


Perché Cremini???
Voci, aneddoti e verità sulla nascita di questa congrega di “beoni”

Insomma, tutti lì a chiedersi perché mai un gruppo di buon vecchio rock’n roll si debba chiamare “Cremini”, quando la risposta l’avete proprio sotto gli occhi; non ci credo che nessuno di voi non abbia mai visto il mitico film “Goonies”, ma soprattutto la scena in cui il buon Chunk, aprendo il frigorifero, esclama: “Mhh… Cremini (e poi gli piomba un cadavere addosso, trovano una botola, vanno alla ricerca della nave… non è che posso raccontarvi tutto il film, noleggiatevelo in DVD)”!!!



In realtà, tutto nasce principalmente da una scazzottata finita subito e due birre di troppo…
Sul finire dell’estate 2003, i Sox (noto gruppo punk di Predazzo scioltosi nel 2004) si stanno esibendo in quel di Canazei, quando a fine serata ai due “test di minchiaz” Caretin (bassista della suddetta punk band) e Jighen (finto tecnico, roadies ecc. del gruppo) arriva l’illuminazione: creare a Predazzo il primo gruppo rock’n roll in puro stile anni ’50, ma più demenziale delle puntatone di Benny Hill o i film di Fantozzi (tutto questo dopo essersi appena malmenati e riappacificati con due buone birrelle – sagghè rellè)!!!
Da qui alla messa in piedi di una nuova band il passo è breve, anche perché a Predazzo i fessi abbondano e loro sembrano conoscerli tutti; in pochissimo tempo Gabriele Dellagiacoma (Caretin), seconda voce, seconda chitarra, percussionista e futura mascotte del gruppo e Gabriele Brigadoi (Jighen), bassista, arruolano Paolo Gabrielli (Pol Ziffidias) alla batteria, Marco Dellantonio (Bortol) alla voce e Marco Ferrari (Ferky) alla chitarra.
Le cose non vanno per niente bene fino all’estate 2004, anche a causa delle scarse attenzioni che i nostri cinque rivolgono alla band, preferendo dedicarsi quasi esclusivamente alle formazioni di provenienza; infatti, all’epoca, Pol e Caretin militavano nei già citati Sox, mentre Bortol e Ferky suonavano heavy metal nei Fleim (anch’essi di Predazzo). La sempre più elevata impossibilità nel far prove e la preparazione di soli due, tre pezzi, portarono Caretin ad auto-isolarsi dal gruppo e al quasi totale scioglimento del gruppo, dopo meno di un anno.
Ma la svolta avviene nell’Agosto dello stesso anno: con lo scioglimento dei Sox , Pol e Caretin ripongono nei Cremini tutto il loro entusiasmo e tutti i componenti ritrovano gli stimoli perduti in brevissimo tempo.
Non sono pronti neanche dieci pezzi (otto, per la precisione) quando arriva il primo concerto (tendone di Predazzo, Settembre 2004), ma bastano e avanzano per far sì che cinque disperati riescano a mettere in piedi, in valle, forse il primo concerto che coniughi rock e cabaret, tanto che i presenti ricordano ancora con stupore l’evento (vanno sicuramente menzionati l’incredibilmente assurda versione in giapponese di “Smoke on the Water” dei Purple e il solo di sax di “Money”, Pink Floyd, mirabilmente eseguito con un kazoo rotto da Caretin che, nell’occasione ha perso cinque litri d’aria).

Con l’arrivo di Valerio Rancitelli (alias Eugenio Ciccarelli) alle tastiere alla fine del 2004 e quello di Raul (l’unico ad essere ancora senza nome di battaglia – infatti, preferiamo chiamarlo comunemente scemo!!!) alla seconda chitarra nel 2006 il gruppo è arrivato alla piena maturazione, portando il rock’n roll di Elvis, Carl Perkins, Jerry Lee Lewis e molti altri nelle Valli di Fiemme e Fassa.

Vogliamo infine ricordare che il “settimo Cremino” Caretin, nonché fondatore ufficiale del gruppo assieme a Jighen, a causa dei sopraggiunti problemi di tempo e inaspettato interessamento all’accoppiamento dei babbuini ha deciso di finirla con la musica per recarsi nell’Africa orientale alla ricerca di esemplari da sodomizz.. ehm analizzare (ciao Caretins).

This page is powered by Blogger. Isn't yours?